I GIALLI DI ANTONIO BIDO

Antonio Bido è sicuramente uno dei registi da tenere in considerazione nel panorama del cinema thriller italiano. Nella sua breve filmografia sono solo due i gialli che dirige, ma entrambi sono meritevoli di mensione. Il primo è Il Gatto dagli occhi di giada del 1976, film in classico stile Argentiano non manchevole di tensione e con degli omicidi che non possono deludere gli appassionati del genere.

Le musiche di questo film hanno creato un giallo nel giallo, in quanto non era nota l'identità del fantomatico gruppo (simil Goblin e fan dei Kraftwerk) che si firma Trans Europa Express. Grazie al gentilissimo Antonio Bido e a successive nostre ricerche, abbiamo svelato l'arcano: I Trans Europa Express erano Mauro Lusini, Gianfranco Coletta, Glauco Borrelli e Adriano Monteduro. Mauro Luisini, cantautore e autore del famoso brano C'era un ragazzo che come me... è stato anche voce dei Goblin nell'album Volo. Coletta, chitarrista, ha fatto parte del gruppo psichedelico Chetro & co e della prima formazione del Banco del mutuo soccorso. Borrelli, era stato il bassista degli Albero Motore, mentre Monteduro, chitarrista, incise il suo primo album cantautorale accompagnato dalla Reale accademia di musica. Credo sia ora spiegata la vena progressiva dei Trans Europa Express.

Solamente Nero è invece il secondo giallo di Bido, con Lino Capolicchio e Stefania Casini, a nostro avviso il migliore dei due, in cui una cupa e spettrale Venezia fa da cornice ad una trama ben congegnata e a delitti ben realizzati. Entrambi questi due film usciranno l'11 Aprile in DVD per la Checchi Gori Home Video e questa è una bella notizia. Ma una notizia ancora più bella è il nuovo progetto che Antonio Bido sta realizzando. Assieme alla moglie Marisa Andalò ha terminato di scrivere la sceneggiatura di un giallo-noir dal titolo Il Tarlo del male che girerà in digitale. Nella fremente attesa facciamo un in bocca al lupo a Bido per questo progetto che segnerà un gradito ritorno.

(14/03/2006)