SENZA PAROLE

Bruno Mattei è morto. Il regista romano protagonista da oltre quarant'anni del cinema horror italiano ci ha lasciati. Sono sincero come sempre, non sono un estimatore dei suoi film, ma ho sempre stimato la figura di Mattei perché era il primo a non prendere sul serio i suoi film. Film fatti veramente con due lire, con ingegno e un pizzico di follia. Bruno Mattei era soprattutto uno che gli piaceva fare il suo mestiere e non piangeva se gli mancavano i mezzi e andava avanti. Negli ultimi sette anni ha diretto almeno dieci film, forse uno peggiore dell'altro, ma lui girava mentre altri chiaccheravano. Se dovessimo sintetizzare il concetto di cinema di genere in due sole parole, Bruno Mattei sarebbero fra le più giuste.
(21/05/2007)