Il Delitto del Diavolo
fantastico, col, 92 min.

Regia: Tonino Cervi

Sceneggiatura: Antonio Benedetti, Tonino Cervi, Antonio Troiso

Attori: Ray Lovelock, Haydée Politoff, Silvia Monti, Evelyn Stewart

Fotografia: Sergio D'Offizi

Produzione: Italia, 1971

Musica: Angelo Francesco Lavagnino

David, un giovane motociclista, dopo l'incontro con uno strano personaggio, si rifugia in una legnaia per passarvi la notte. Al risveglio scopre di essere nella proprietà di tre affascinanti ragazze. Nonostante i suoi ideali anarchici e il suo stile nomade, il giovane ammaliato, rimane a lungo fra le braccia delle tre giovani che in realtà sono streghe guidate da un Diavolo antisovversivi.
Il Delitto del diavolo (o Le Regine) è un film a tratti noioso ma che ha un interessante risvolto politico e alcune scene visionarie e psichedeliche intriganti. Una delle sequenze più significative in questo senso è la visione che David ha delle tre ragazze: la prima con la bocca ridente tatuata sul collo, la seconda con un seno dipinto e un diamante per capezzolo e la terza con una mano impugnante una pistola che gli esce dalla vagina. Il Diavolo incita così gli stregoni (che nella vita sono politici o imprenditori) contro i giovani ribelli: "Persuadeteli, teneteli sempre occupati! Creategli necessità inutili, comprimeteli, esasperateli, fateli correre dalla mattina alla sera. Non dategli pace, non fateli pensare! Solo così potranno esplodere, uccidere, odiare". Il Diavolo è fra noi.
Fabio Meini