Solamente nero
giallo, col, 97 min.

Regia: Antonio Bido

Sceneggiatura: Marisa Andalo, Antonio Bido, Domenico Malan

Attori: Lino Capolicchio, Stefania Casini, Craig Hill, Massimo Serato

Fotografia: Mario Vulpiani

Produzione: Italia, 1978

Musica: Stelvio Cipriani

A differenza del precedente film di Antonio Bido (Il Gatto Dagli Occhi Di Giada), questo č un giallo perfetto. Omicidi efferati scorrono parallelamente alla scoperta di personaggi loschi e inquietanti che periodicamente cadono vittima dell'assassino stringendo il cerchio dei sospettabili.
Il tutto si svolge in una Venezia popolare dove Stefano (Lino Capolicchio) avrebbe inteso passare alcuni giorni di relax, ma viene coinvolto direttamente dalle vicende, quando il fratello, Don Paolo, dopo aver assistito ad un omicidio riceve continue lettere minatorie. Lettere che porteranno alla scoperta del maniaco. La presenza di Capolicchio non č l'unico riferimento a La casa dalle finestre che ridono di cui ritroviamo certi elementi popolari e inquietanti personaggi che appaiono come ombre da vicoli e finestre. Addirittura l'inizio del film ricalca la sceneggiatura del film di Avati in modo abbastanza chiaro, ma poi Solamente Nero prende una strada del tutto sua. Comunque il paragone qualitativo fra i due film non č nemmeno da porsi in quanto il film di Bido presenta diverse carenze di cast, di stile e nella ricerca della suspance. Belli perņ gli omicidi, fra i quali spiccano una donna arsa viva e un uomo schiacciato fra due barche.
La buona musica č composta da Stelvio Cipriani ed eseguita dai Goblin. La somma, perņ, non fa proprio il totale.
Fabio Meini