Titolo
La vendetta di Lady Morgan

Autore
Piero Umiliani

Etichetta/Codice
Digitmovies - CDDM225

Anno
1965

Supporto
Cd
Tracce
1.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 1 - Titoli)
2.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 2)
3.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 3)
4.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 4)
5.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 5)
6.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 6)
7.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 7)
8.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 8)
9.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 9)
10.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 10)
11.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 11)
12.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 12)
13.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 13)
14.La Vendetta Di Lady Morgan (seq. 14 - Finale)
 
Recensione
Nel glorioso panorama dell’horror gotico italiano creato da Riccardo Freda e Mario Bava, figura anche il raro La vendetta di Lady Morgan con un cast di volti noti del cinema di genere come Barbara Nelli, Erika Blanc, Gordon Mitchell e Paul Muller (presente anche nel capostipite I Vampiri). Alla regia figura Max Hunter pseudonimo di Massimo Pupillo, alle musiche invece Peter O’Milian intuibile pseudonimo del maestro Piero Umiliani qui in una rara incursione nel genere horror.
La colonna sonora è basata su una ballata per chitarra classica che si concilia benissimo con il genere gotico che ha nei propri canoni la componente romantica. Nel CD uscito per Digitmovies (CDDM225) troviamo molte variazioni di questo tema: per flauto, pianoforte, archi e anche un’affascinante versione per clavicembalo. Di questa colonna sonora pur non esistendo un’edizione in vinile dell’epoca, abbiamo scoperto una variazione per sola chitarra del tema principale, intitolato “Amica chitarra” incluso nell’LP “Chitarra classica” (Liuto Records LRS 0060,1976).
Presenti ovviamente brani drammatici come le tracce Seq.2 e Seq.5, o disturbanti come il brano per archi della traccia Seq.8. La vera chicca sono però le sonorità elettroniche miscelate sapientemente all’orchestra come nella già citata traccia Seq.2 o protagoniste assolute nella sperimentale traccia Seq.3, sette minuti di fruscii, versi, e suoni elettronici. Nel complesso potrebbe risultare monotona, ma le variazioni risultano molto ben fatte e il tema è letteralmente un capolavoro.